Nascondersi dietro un dito!

A volte hai bisogno di stare solo perché non vuoi raccontare che cosa ti succede. Hai bisogno di tenere delle cose di nascosto, hai bisogno di non essere trasparente. Ma sembra quasi impossibile tenere delle cose di nascosto. Il tuo viso ti tradisce. Dai tuoi occhi si vede tutto. Si vede tristezza, si vede dolore, si vede stanchezza. Ma cosa vogliono da te? Perché vogliono sapere cosa hai? Sembra quasi che sei obbligata a raccontare. Perché dovresti raccontare tutto? Non è così che dovrebbe essere. Una volta che hanno preso le informazioni giuste che cosa è successo? Ti ha solo detto “andrà tutto bene, fidati”. Ma che ne sai come andrà? Non credo proprio che possa andare tutto bene. Vedo tutto buio. Non vedo nessuna luce nel fondo al tunnel. Ma perché devo venire a raccontarlo a te. Ma posso sapere chi sei? Perché non riesco a fingere? Perché non riesco a dire di NO? Come si fa a nascondere le emozioni. Vorrei tanto essere di porcellana, così nessuno mi chiede più “cosa hai”, “cos’è successo”, “dai raccontami”. Ho bisogno di staccare dal mondo. Vorrei non sentire più nessuno per un bel po’ di tempo. Vorrei spegnere il telefono e non essere reperibile per nessuno. Spero di riuscire a farlo in tempo, prima che mi viene un esaurimento nervoso.

A. V.

Annunci

2 thoughts on “Nascondersi dietro un dito!

  1. Staccarsi dal mondo per un po’, spesso può sembrare una scelta difficile, anacronistica e debole. Ma io credo che sia invece un momento importante. Ci vuole coraggio, è un momento in cui dentro noi stessi ricalcoliamo le priorità e sviluppiamo una visione più equilibrata della realtà e, nella mia esperienza, molto spesso, quando siamo in una fase un po’ introspettiva è più facile entrare in relazione con persone serene e disinteressate che si accompagnano armonicamente con il nostro bisogno di rinnovamento.

    Liked by 1 persona

    1. Io credo che ogni persona deve prima conoscere se stesso e poi gli altri. Invece ci hanno insegnato il contrario. Per quello è semplice giudicare, perché non punti mai il dito su di te. Ma infatti staccarsi serve più che altro per quello. Per conoscere noi stessi. È un viaggio che tutti dovremo fare nella vita prima o poi.

      Liked by 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...